Su

U20, una medaglia d’argento che vale come un diamante!

Solo un eccesso di tensione fa sfumare l’impresa: nella finale per il titolo nazionale Under 20 B, il Brescia Waterpolo viene superato 9 a 6 dalla Rari Nantes Salerno, al termine di un match risolto dalla formazione campana in virtù di una maggiore freschezza mentale. Nella Final Four disputata nell’impianto romano del Foro Italico, complessivamente, il rendimento dei ragazzi di Aldo Sussarello è stato davvero encomiabile: in semifinale, Massenza e compagni hanno piegato una quotata Civitavecchia – con identico risultato della finalissima – facendo valere le proprie doti in fatto di gioco di movimento, all’insegna dell’intensità del ritmo e con grinta adeguata agli appuntamenti che decidono la stagione. Per tutto l’incontro, i biancazzurri hanno costretto gli avversari a rincorrere il punteggio, per poi piazzare la zampata vincente nell’ultimo quarto.

 

Arrivato alla sfida per il gradino più alto del podio, il sette bresciano ha dovuto fare i conti, prima che con le indubbie qualità della compagine di Scotti Galletta, con la stanchezza, sia fisica che mentale, accumulata in una stagione dai ritmi molto serrati: sei tredicesimi della rosa (Francesco Massenza Milani, Piergiuseppe Zanetti, Giacomo Dalla Bona, Nicola Tononi, Andrea Sordillo e Matteo Gianazza) hanno fatto parte in pianta stabile della prima squadra, protagonista di un’annata tanto straordinaria quanto intensa, conclusa con il salto dalla B alla A2, con i playoff terminati giusto una settimana prima delle finali Under 20. Nella sostanza, il Bs Wp ha chiuso la due giorni romana un po’ a corto di energie e con parte dell’organico con poca esperienza negli scontri di alto livello; in ogni caso, l’onore non è mai venuto meno e il premio di miglior portiere assegnato a Massenza, e quello di miglior marcatore conquistato da Tononi, danno una chiarissima idea del valore e dell’impegno mostrati.

 

«In finale ci siamo espressi sotto tono – commenta la Final Four, coach Sussarello -, abbiamo subito la loro fisicità senza riuscire a contrastarli adeguatamente: c’era un po’ troppa emozione e questo ci ha un po’ bloccato. I salernitani sono stati più lucidi e hanno vinto con merito: si sono dimostrati più squadra, più pronti a partite di questa importanza. Al di là di questo, devo fare i complimenti ai miei, la conquista delle finali è stato un traguardo di grandissimo rilievo, soprattutto considerando che vari ragazzi non avevano mai giocato al di fuori della fase regionale. Nella semifinale contro Civitavecchia, partivamo con pochissima pressione e abbiamo reso secondo il nostro potenziale: in finale, l’impatto emotivo s’è fatto sentire».

 

Finale:     Brescia Waterpolo   –    Rn Salerno       6    –    9

Bs Wp: Massenza, Vezzola, Zanetti, Tononi 3, Balanel 2, Dalla Bona, Ferlinghetti, Novellini, Santini, Bombagi, Sordillo 1, Gianazza. All. Sussarello.

Rn Salerno: Milione, Longo, Polichetti 1, Monetti, Orio, Lauria, Fortunato 5, Ragosta 2, Carrella 1, Di Donato, Russo, Malandrino, Napoletano. All. Scotti Galletta.

Parziali:  2-2, 1-3, 2-3, 1-1

Arbitri: Brasiliano e Pinato.

 

Semifinale:  Civitavecchia     –     Brescia Waterpolo      6     –     9

Civitavecchia: Rottoli, Ballarini S. 1, Greco, Caponero 1, Ballarini A. 1, Romano, Iorio, Pontani, Midio, Monti 1, Moretti 1, Pagliarini L. 1, Mancini. All. Pagliarini M.

Brescia Waterpolo: Massenza Milani, Vezzola 1, Zanetti, Tononi 4, Balanel 1, Dalla Bona 2, Ferlinghetti, Novellini, Santini, Bombagi, Zavaglio, Sordillo 1, Gianazza. All. Sussarello.

Parziali:  3-4, 1-2, 1-1, 1-2

Arbitri: Brasiliano e Ferrari A.

Nessun commento

Scrivi un commento