Su

Warning: A non-numeric value encountered in /var/www/vhosts/bresciawaterpolo.it/httpdocs/wp-content/themes/bswp/framework/modules/title/title-functions.php on line 417

Sabato a Mompiano arriva Camogli, e sarà battaglia

Sulla strada del Brescia Waterpolo, uno degli avversari più difficili: sabato, alle 16, nella piscina di Mompiano, per la quarta giornata di campionato, la squadra di Aldo Sussarello riceverà la Rari Nantes Camogli, capolista – a punteggio pieno – del girone nord dell’A2 maschile e tra le principali candidate per il salto di categoria. Compito duro, per Zugni e compagni, ma anche occasione molto stimolante: davanti a una formazione che ha alle spalle un importante carico di tradizione e successi (sei gli scudetti conquistati dal club levantino), e che, per questa stagione, ha chiare ambizioni di alta classifica, il sette bresciano può trovare le motivazioni giuste per esprimere il proprio potenziale, superando i problemi evidenziati negli ultimi due turni di campionato. Senz’altro occorrerà una prova di spessore, tanto dal punto di vista dell’approccio mentale, quanto per quel che riguarda i contenuti tecnici. A guidare i biancazzurri dalla panchina, sarà Massimo Castellani; infatti, il cartellino rosso inflitto a coach Sussarello (e al presidente, Gianluca Fiorese) nella trasferta di Sori, è diventato squalifica.

 

«Dopo due prove negative – dice il tecnico del Bs Wp, Sussarello -, incrociamo quelli che per me sono i favoriti per la leadership del torneo: hanno giocatori forti ed esperti in tutti i ruoli, con un attaccante come Edoardo Caliogna, di grande qualità. Dovremo tirar fuori tanta concentrazione e grande voglia di fare bene. Sono molto dispiaciuto per non poter essere vicino ai ragazzi e poi perché, con la squalifica, paghiamo in sovrapprezzo un arbitraggio che, per almeno due tempi, non ci ha consentito di giocare, sia in attacco che in difesa. Abbiamo protestato cercando di far notare la situazione un po’ troppo penalizzante e i direttori di gara hanno reagito passando subito al cartellino rosso, senza ammonirci, come avviene normalmente».

Nessun commento

Scrivi un commento