Su

Con le unghie e con i denti, torniamo da Padova con un punto importantissimo

Un tenace Brescia Waterpolo conquista un importante punto nella difficile trasferta di Padova: contro il Plebiscito, nella ventesima e terz’ultima giornata del girone Nord di A2 maschile, la squadra di Aldo Sussarello chiude sul 7 pari (1-0, 3-0, 2-3, 1-4, i parziali) un match che, al cambio di panchine, pareva completamente nelle mani dei padroni di casa.

 

Infatti, facendo soprattutto leva su un reparto arretrato molto ben organizzato, i patavini prendono il largo nei primi due tempi, lasciando a secco l’attacco ospite e ritrovandosi avanti di quattro. A quel punto, però, a fronte di una situazione davvero difficile, è venuto fuori lo spirito mai domo delle calottine bresciane: con pazienza e piena convinzione, Zugni e compagni hanno cominciato ad effettuare una difesa a zona che ha permesso di contenere con efficacia le sortite avversarie, e poi, grazie a continui movimenti, in fase offensiva, le soluzioni biancazzurre hanno trovato la giusta incisività. Per il Bs Wp, un pari che non modifica più di tanto le cose in chiave salvezza (da due, passano a tre i punti di vantaggio sull’ultima in classifica, il Sori, mentre la salvezza diretta rimane sempre a cinque lunghezze di distanza), ma che, per come è maturato, serve come ottima iniezione di fiducia.

 

«Sapevamo che sarebbe stata dura – dice il tecnico bresciano, Sussarello -, all’inizio la loro difesa ci ha messo in serie difficoltà, non riuscivamo a venirne a capo, con tiri forzati e iniziative poco probabili. Però, appena hanno calato un po’ l’intensità, siamo stati bravi ad approfittarne cambiando il corso della partita. Dal terzo tempo, la situazione si è invertita, la nostra difesa a emme gli ha fatto perdere il filo del gioco, mentre in attacco, un po’ alla volta, abbiamo trovato i tempi, e i modi, giusti per colpire. Sono contento, in un campo ostico e sotto di quattro gol, abbiamo dato prova di grande carattere, proprio una bella reazione per far vedere che ci siamo, che abbiamo i mezzi per conservare la categoria».

 

La lotta per i Playout

Nessun commento

Sorry, the comment form is closed at this time.